Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

PROBLEMI DI SALUTE IN AREA PERINATALE

Oggetto:

HEALTH PROBLEMS IN PERINATAL AREA

Oggetto:

Anno accademico 2022/2023

Codice attività didattica
MED3166
Docenti
Prof.ssa Alessandra Coscia (Docente Titolare dell'insegnamento)
Prof.ssa Silvia Deaglio (Docente Responsabile del Corso Integrato)
Dott. Silvia Maria Borgione (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott.ssa Roberta Guardione (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott.ssa Rossella Attini (Docente Titolare dell'insegnamento)
Corso di studio
[f070-c717] INFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO)
Anno
2° anno
Periodo
Primo semestre
Tipologia
Di base
Crediti/Valenza
6
SSD attività didattica
MED/03 - genetica medica
MED/38 - pediatria generale e specialistica
MED/40 - ginecologia e ostetricia
MED/45 - scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Scritto
Prerequisiti

Si consiglia agli Studenti e alle Studentesse di recuperare le conoscenze relative al neonato fisiologico, alle principali modificazioni che avvengono nel passaggio alla vita extrauterina e conoscenze e alla genetica sulla struttura e composizione degli acidi nucleici e sulle regole base della ereditarietà, acquisite a seguito del superamento di esami di profitto universitari degli anni di corso precedenti.

It is recommended that students review their knowledge regarding the newborn, the main changes that occur in the transition to extrauterine life and the genetics about structure and composition of nucleic acids and about basic rules of hereditariness that have already been acquired during previous courses.
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

Lo scopo di questo Insegnamento è quello di fornire contenuti e competenze necessarie all’esercizio professionale in merito agli aspetti di salute in ambito perinatale. A tal fine, gli obiettivi formativi specifici saranno:

  • educare i futuri genitori a stili di vita sani e a modificare quelli a rischio;
  • assicurare un ambiente fisico e psicosociale efficace per la sicurezza del neonato prematuro e della sua famiglia;
  • gestire interventi preventivi e assistenziali a neonati, anche prematuri, con il coinvolgimento della famiglia e della comunità;
  • progettare e realizzare, collaborando con altri professionisti, interventi informativi ed educativi di controllo dei fattori di rischio rivolti al neonato, anche prematuro, alla famiglia e a gruppi di soggetti;
  • proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento materno, anche nei neonati fortemente prematuri;
  • definire le priorità degli interventi infermieristici sulla base dei bisogni assistenziali;
  • individuare il grado di complessità assistenziale e sociale del neonato assistito e della sua famiglia;
  • predisporre le condizioni ottimali per la dimissione del neonato prematuro e della sua famiglia, per garantire un ritorno a casa sicuro e confortevole;
  • garantire la continuità dell’assistenza tra strutture diverse, per una omogenea presa in carico del neonato prematuro e della sua famiglia,
  • lavorare in modo integrato nell’equipe, nel rispetto delle specifiche competenze, al fine di garantire interventi assistenziali adeguati;
  • attivare e gestire una relazione di aiuto e terapeutica con la famiglia del neonato prematuro, promuovendone e valutandone l’aderenza al progetto di cura;
  • comunicare in modo efficace con modalità verbali, non verbali e scritte le valutazioni e le decisioni infermieristiche nei team interdisciplinari;
  • monitorare la situazione clinica e psicosociale del neonato prematuro e della famiglia, identificando precocemente segni di aggravamento/scompenso clinico del neonato;
  • attivare processi decisionali sulla base delle condizioni del neonato prematuro e dei valori dei parametri, dei referti degli esami diagnostici;
  • apprendere le modalità, le tecniche e gli strumenti più adeguati alla rianimazione neonatale;
  • apprendere le nozioni fondamentali sulle malattie ereditarie in modo da poter comunicare correttamente con i genitori e all’interno dell’equipe;
  • apprendere le nozioni fondamentali sulla genetica, sulla istocompatibilità e il suo ruolo nella medicina dei trapianti;
  • attivare e sostenere le capacità residue del neonato e della famiglia per promuovere l’adattamento alle limitazioni e alterazioni prodotte dalla prematurità;
  • utilizzare il processo infermieristico per pianificare l’assistenza, sulla base delle prove di efficacia più attuali;
  • partecipare a gruppi di ricerca per la sperimentazione di procedure e protocolli innovativi per il miglioramento continuo della qualità assistenziale in ambito neonatologico;
  • garantire la preparazione e somministrazione sicura della terapia, sorvegliando gli effetti;
  • valutare i risultati dell’assistenza infermieristica pediatrica erogata e riadattare la pianificazione sulla base dell’evoluzione dei problemi di salute del neonato;
  • ricercare la letteratura scientifica attinente all’area perinatale.

The purpose of this course is to provide the essential knowledge and skills needed for the professional clinical practice regarding perinatal aspects. To this end, the specific training objectives will be to:

  • educate future parents about healthy lifestyles by modifying those at risk;
  • guarantee an effective physical and psychosocial environment for the safety of the preterm infant and his family;
  • manage preventive and health interventions for newborns, including preterm infants, involving the family and the community;
  • plan and achieve information and educational interventions to supervise risk factors for the newborn and preterm infant, the family and groups of subjects, collaborating with other professionals;
  • protect, promote and support breastfeeding, even preterm infants;
  • define the priorities of nursing interventions considering the care needs;
  • identify the level of welfare and social complexity of the newborn and his family;
  • prepare the optimal conditions for the discharge of the preterm infant and his family, to ensure a safe and comfortable way home;
  • ensure continuity of care in different structures, for a homogeneous care of the preterm infant and his family;
  • work in an integrated way in the team, in compliance with specific skills, in order to ensure adequate health interventions;
  • activate and manage a helping and therapeutic relationship with the family of the preterm infant, promoting and evaluating their adherence to the care project;
  • communicate effectively in verbal, non-verbal and written ways the nursing assessments and decisions in interdisciplinary teams;
  • monitor the clinical and psychosocial condition of the preterm infant and the family, identifying early signs of clinical aggravation/decompensation of the newborn;
  • activate decision-making processes that are based on the conditions of the preterm infant and the parameters values, the reports of the diagnostic tests;
  • learn the adequate methods, techniques and tools for neonatal resuscitation;
  • learn the basics of hereditary diseases that are necessary to communicate with parents and members of team correctly;
  • learn the basics of genetics, histocompatibility and its role in transplant medicine;
  • activate and support the spare capacities of the newborn and the family to promote adaptation to the limitations and alterations of prematurity;
  • use the nursing process to plan the care considering the current evidence of efficacy;
  • participate in research groups for the experimentation of innovative procedures and protocols for the continuous improvement of the quality of care in the neonatal field;
  • ensure the safe preparation and administration of therapy and monitor the effects;
  • evaluate the results of pediatric nursing care that has been provided and readjust the planning on the basis of the evolution of the infant's health problems;
  • search for scientific literature about perinatal area.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine dell’insegnamento occorrerà dimostrare di essere in grado di:

Conoscenze e capacità di comprensione (Knowledge and understanding):

  • Conoscere le principali patologie ginecologiche dell’infanzia e dell’adolescenza;
  • Conoscere i principali aspetti della fisiologia della gravidanza e dell’accrescimento fetale;
  • Riconoscere l’importanza dell’anamnesi ostetrica per le valutazioni cliniche del neonato sano o critico;
  • Sviluppare conoscenze logiche e metodologiche di organizzazione dell’assistenza neonatale per neonati da madri con patologie ostetriche;
  • Identificare gli strumenti per l’integrazione organizzativa con personale di assistenza ostetrica;
  • Conoscere i principali aspetti dell’allattamento al seno;
  • Conoscere le modalità di trasmissione delle patologie ereditarie e conoscere alcune tra le più frequenti di esse;
  • Conoscere i principali test genetici a disposizione, le loro possibili applicazioni e i loro limiti;
  • Conoscere la finalità della consulenza genetica e il ruolo dell’infermiere pediatrico all’interno di essa;
  • Conoscere il concetto di istocompatibilità;
  • Acquisire il concetto di “continuum” fra feto e neonato: competenze e patologie dipendono dall’età gestazionale;
  • Conoscere le principali patologie del neonato a termine e le tecniche assistenziali relative;
  • Conoscere le principali patologie del neonato pretermine e le tecniche assistenziali relative;
  • Conoscere le diverse modalità di assistenza infermieristica rispetto all’età gestazionale;
  • Apprendere l’organizzazione dell’assistenza infermieristica rispetto ai bisogni di alimentazione e respirazione;
  • Apprendere i diversi strumenti di valutazione e rivalutazione dei segnali di stress, dolore e competenze specifiche dell’età gestazionale di appartenenza del neonato pretermine;
  • Definire le modalità corrette della ricostituzione, diluizione e somministrazione dei farmaci considerando la peculiarità della prematurità;
  • Comprendere i principi della care e della cura individualizzata e “neuroevolutiva”, per accompagnare il neonato prematuro nei suoi vari livelli di sviluppo;
  • Conoscere i principi della rianimazione neonatale;
  • Apprendere le tappe iniziali della rianimazione neonatale;
  • Conoscere i diversi strumenti disponibili per la ventilazione a Pressione Positiva;
  • Apprendere la tecnica per le compressioni toraciche;
  • Conoscere le indicazioni all’intubazione endotracheale;
  • Conoscere i principali farmaci utilizzati nella rianimazione neonatale.

 

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (Applying knowledge and understanding):

  • Condurre un ragionamento clinico nel campo delle principali patologie ostetriche, individuando i rischi eventuali per il feto/neonato, la possibile strategia di trattamento e di gestione clinica;
  • Promuovere e sostenere l’allattamento al seno ed essere in grado di spiegarne i benefici;
  • Ricostruire la storia familiare mediante un albero genealogico;
  • interpretare possibili pattern ereditari e calcolare i rischi di ricorrenza o di portatore nelle patologie mendeliane;
  • Valutare, organizzare e proporre le modalità di assistenza infermieristica rispetto all’età gestazionale;
  • Osservare il neonato pretermine individuando segnali di stress, dolore e competenze specifiche dell’età gestazionale di appartenenza;
  • Valutare e pianificare l’assistenza infermieristica rispetto ai bisogni del neonato/prematuro;
  • Diluire e somministrare i farmaci per via enterale e parenterale considerando la peculiarità della prematurità;
  • Erogare un’assistenza individualizzata e “neuroevolutiva” del neonato pretermine;
  • Preparare i principali farmaci utilizzati nella rianimazione neonatale;
  • Eseguire le tappe iniziali della rianimazione neonatale;
  • Eseguire la ventilazione a Pressione Positiva nella rianimazione utilizzando correttamente i diversi strumenti disponibili;
  • Eseguire le compressioni toraciche;
  • Assistere chi esegue all’intubazione endotracheale.

 

Autonomia di giudizio (Making judgements):

  • rielaborare il materiale didattico allo scopo di identificare i concetti chiave;
  • acquisire competenze valutative, attraverso il confronto e la valutazione tra pari;
  • ipotizzare l’assunzione di decisioni assistenziali attraverso un approccio scientifico di risoluzione di problemi del neonato prematuro;
  • ipotizzare le priorità assistenziali nella pianificazione ed attuazione del processo di nursing;
  • ipotizzare l’applicazione del processo decisionale, affrontando anche situazioni di conflitto etico.

 

Abilità comunicative (Communication skills):

  • saper presentare un proprio elaborato, padroneggiando un linguaggio scientifico e specialistico;
  • saper utilizzare modalità di comunicazione appropriate (verbali, non verbali e scritte) con la famiglia del neonato prematuro;
  • saper utilizzare modalità di comunicazione appropriate (verbali, non verbali e scritte) con i professionisti sanitari e con il team multidisciplinare.

  

Capacità di apprendimento (Learning skills):

  • aver sviluppato abilità di studio indipendente;
  • saper consultare in maniera autonoma le fonti bibliografiche, condividendo le competenze acquisite con i pari;
  • aver sviluppato capacità di ricercare con continuità le opportunità di autoapprendimento;
  • aver sviluppato capacità di autovalutazione delle conoscenze e competenze acquisite, delineando i bisogni di sviluppo e apprendimento.

At the end of the course, it will be necessary to demonstrate to:

Knowledge and understanding

  • Know the main gynecological pathologies of childhood and adolescence;
  • Know the main aspects of the physiology of pregnancy and fetal growth;
  • Recognize the importance of the obstetric anamnesis for clinical evaluations of the healthy or critically ill newborn;
  • Develop logical and methodological knowledge about organization of neonatal assistance for newborns with mothers who have obstetric pathologies;
  • Identify the tools for integration and organization with midwives;
  • Know the main aspects of breastfeeding;
  • Know the ways of transmission of hereditary diseases;
  • Know some of the most frequent hereditary diseases;
  • Know the main genetic tests, their possible applications and their limitations;
  • Know the purpose of genetic counseling and the role of the pediatric nurse;
  • Know the concept of histocompatibility;
  • Acquire the concept of "continuum" between fetus and newborn: skills and pathologies depend on the gestational age;
  • Know the main pathologies of the newborn and the relative assistance techniques;
  • Know the main pathologies of the preterm infant and the relative assistance techniques;
  • Know the different methods of nursing care considering the gestational age;
  • Learn the organization of nursing care considering the nutrition and breathing needs;
  • Learn the different tools for assessing and re-evaluating the signs of stress, pain and specific skills of the gestational age of the preterm infant;
  • Define the correct procedures for the reconstitution, dilution and administration of drugs considering the peculiarity of prematurity;
  • Understand the principles of care and individualized and "neurodevelopmental" care to support the preterm infant in different levels of development;
  • Know the principles of neonatal resuscitation;
  • Learn the initial phases of neonatal resuscitation;
  • Know the different tools available for Positive Pressure ventilation;
  • Learn the technique for chest compressions;
  • Know the indications for endotracheal intubation;
  • Know the main drugs that are used in neonatal resuscitation.

 

Applying knowledge and understanding

  • Bring a clinical reasoning in the obstetric field, identifying the possible risks for the fetus/newborn, the possible treatment and clinical management strategy;
  • Promote and support breastfeeding and know how to explain its benefits;
  • Reconstruct family history through a family tree;
  • Understand possible hereditary patterns and calculate the risks of Mendelian diseases;
  • Evaluate, organize and propose the methods of nursing care based on to the gestational age;
  • Observe the preterm infant and identify the signs of stress, pain and specific skills of the gestational age;
  • Evaluate and plan nursing care based on the needs of newborn/preterm infant;
  • Dilute and administer drugs considering the peculiarity of prematurity;
  • Provide individualized and "neurodevelopmental" assistance for the preterm infant;
  • Prepare the main drugs that are used in neonatal resuscitation;
  • Carry out the initial phases of neonatal resuscitation;
  • Perform positive pressure ventilation in resuscitation by correctly using the different available devices;
  • Perform chest compressions;
  • Assist those who perform endotracheal intubation.

 

 Making judgements

  • re-elaborate the didactic material in order to identify the key concepts;
  • acquire evaluation skills, through comparison and peer evaluation;
  • hypothesize decision making through a scientific approach in order to care of the needs of preterm infant;
  • hypothesize, by using the nursing process, the healthcare priorities and provide the needed care for the patient;
  • hypothesize the application of the decision-making process, also addressing situations of ethical interest.

 

Communication skills

  • prepare and present a written report relevant to the topic of the course, using an appropriate technical and scientifical language;
  • use appropriate methods of communication (oral, written and non verbal) with family of preterm infant;
  • use appropriate methods of communication (verbal, non-verbal and written) with health professionals and with the multidisciplinary team.

  

Learning skills

  • have developed independent study skills;
  • know how to autonomously consult bibliographic sources and to share the acquired skills with peers;
  • have developed the ability to continuously search for self-learning opportunities;
  • have developed self-assessment skills of the knowledge and competencies acquired, and be able to outline the need for further progress.

Oggetto:

Programma

GINECOLOGIA E OSTETRICIA

  • Eziologia, segni e sintomi delle principali patologie ginecologiche dell’infanzia e dell’adolescenza.
  • Analisi dei fattori che possono danneggiare nella vita intrauterina il prodotto del concepimento.
  • Interventi preventivi da attuare sia prima che durante la gravidanza.
  • Cenni di fisiologia della gametogenesi, della fecondazione e delle prime fasi dello sviluppo embrionale
  • Placentazione, funzioni della placenta, circolazione fetale.
  • Ripercussioni delle principali patologie materne pregravidiche e/o indotte dalla gravidanza sul benessere fetale.
  • Cenni di valutazione della crescita e del benessere fetale.
  • Il ritardo di crescita intrauterina del feto.
  • Impatto della modalità del parto sul neonato a termine
  • Cenni di emergenze ostetriche in sala parto.
  • Cenni di monitoraggio del benessere fetale in travaglio.

 

GENETICA MEDICA

  • Concetti base di genetica e biologia.
  • I geni e il concetto di mutazione.
  • La consulenza genetica e il ruolo dell’infermiere pediatrico.
  • La storia famigliare e la ricostruzione di un albero.
  • Le principali modalità di trasmissione delle malattie monogeniche.
  • I concetti di penetranza ed espressività in genetica medica; calcolo del rischio di trasmissione nelle malattie mendeliane.
  • Il sistema maggiore di istocompatibilità e il suo ruolo nella medicina dei trapianti.

 

PATOLOGIA NEONATALE

  • Punti critici del neonato: vulnerabilità degli apparati e patologie età gestazionale-dipendenti.
  • Sepsi neonatale precoce e tardiva.
  • Ittero fisiologico e patologico.
  • Malattia emorragica del neonato.
  • Asfissia perinatale ed encefalopatia ipossico-ischemica.
  • Problemi respiratori del neonato a termine.
  • Distress respiratorio del neonato pretermine: fisiopatologia, clinica, profilassi e terapia.
  • Sindrome da aspirazione di meconio.
  • Pervietà del dotto arterioso.
  • Intolleranza alimentare ed enterocolite necrotizzante.
  • Filosofia assistenziale del neonato pretermine.
  • Sviluppo motorio e sensoriale del feto e del neonato pretermine.
  • Competenze del neonato pretermine per età gestazionale.
  • Teoria dei sottosistemi e approccio individualizzato al neonato pretermine.
  • Patologia neurologica del neonato pretermine: emorragia intra-periventricolare.
  • Patologia neurologica del neonato pretermine: leucomalacia periventricolare.
  • I movimenti generalizzati normali e patologici: strumento di diagnosi e prognosi.

 

TERAPIA INTENSIVA E RIANIMAZIONE NEONATALE

  • Cambiamenti fisiologici che si verificano alla nascita di un neonato.
  • Flow chart delle tappe da seguire durante la rianimazione.
  • Fattori di rischio predittivi di neonati che dovrebbero necessitare rianimazione.
  • Materiale e personale necessari per rianimare un neonato.
  • Quando il neonato necessita di rianimazione.
  • Come liberare le vie aeree e procedere con le tappe iniziali della rianimazione.
  • L’uso dell’ossigeno nella rianimazione neonatale.
  • La ventilazione a pressione positiva: quando e con quali strumenti.
  • Funzionamento dei diversi strumenti di ventilazione e corretto posizionamento della maschera.
  • Valutazione del successo della ventilazione.
  • Le compressioni toraciche durante la rianimazione: quando iniziare, come eseguirle, come coordinarle con la ventilazione a pressione positiva, quando interrompere.
  • Indicazioni all’intubazione endotracheale durante la rianimazione; preparazione del materiale; assistenza.
  • Farmaci: quali e come somministrarli.

 

INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA PERINATALE

  • Lo sviluppo neurocomportamentale nel neonato pretermine:
    • La teoria sinattiva,
    • Il NIDCAP.
  • Le posture nel neonato pretermine: come quando e perché, vantaggi e svantaggi delle diverse posture.
  • Assistenza infermieristica al neonato prematuro affetto da difficoltà respiratoria acuta e cronica:
    • tecniche di supporto ventilatorio non invasivo (NcPAP, BiPAP, HFNC),
    • tecniche di supporto ventilatorio invasivo,
    • procedure infermieristiche per la gestione del neonato con supporto ventilatorio invasivo o non invasivo.
  • Riconoscere, valutare, classificare e trattare il dolore neonatale.
  • Assistenza infermieristica al neonato prematuro con problemi dell’apparato gastro-intestinale:
    • tipologia di nutrizione enterale,
    • caratteristiche delle sonde di alimentazione,
    • tecniche per il posizionamento,
    • tolleranza dell’alimentazione enterale (ristagno gastrico, tipologia e valutazione infermieristica).
  • Assistenza al neonato prematuro che inizia ad alimentarsi per os: strumenti per la valutazione delle competenze oro-alimentari del neonato pretermine.
  • Assistenza infermieristica al neonato portatore di catetere venoso centrale:
    • indicazioni sul posizionamento,
    • tipologie di cateteri venosi centrali,
    • gestione infermieristica dei cateteri venosi centrali.
  • La cute del neonato pretermine:
    • caratteristiche,
    • incidenza e cause delle lesioni cutanee,
    • valutazione della cute,
    • gli strumenti per la valutazione del rischio,
    • Tipologie di lesioni (da dispositivi, da stravasi, ustioni chimiche, lesioni peristomali).
  • Trasporto avanzato neonatale: organizzazione, compiti e responsabilità dell’infermiere pediatrico.
  • Assistenza infermieristica al neonato affetto da encefalopatia ipossico-ischemica:
    • Trattamento ipotermico.
  • La terapia farmacologica: endovena, intramuscolo e per os nel neonato prematuro, peculiarità rispetto alle altre fasi dell’età evolutiva.

OBSTETRICS

  • Etiology, signs and symptoms of the main gynecological disorders of childhood and adolescence.
  • Analysis of the factors which can damage the product of conception during Intrauterine life.
  • Methods of prevention applied before and during pregnancy.
  • Outline of physiology of gametogenesis, fecundation and early embryo development.
  • Placentation, placental function, fetal circulation.
  • Effects of the main pre-pregnancy and/or pregnancy-induced maternal pathologies on fetal wellness.
  • Knowledge about evaluation of fetal growth and wellness.
  • Intrauterine growth retardation of the fetus.
  • Impact of mode of delivery on the newborn
  • Knowledge about obstetric emergencies in the delivery room.
  • Knowledge about monitoring fetal wellness in labor.

 

GENETICS

  • Basic knowledge of genetics and biology.
  • Genes and the concept of mutation.
  • Genetic counseling and the role of the pediatric nurse.
  • The family history and the construction of a tree.
  • The main transmission modes of monogenic diseases.
  • Notion of penetrance and expressivity in medical genetics, calculation of the risk of transmission in mendelian diseases.
  • The histocompatibility complex. The role of immunogenetics in organ transplantation.

 

NEONATAL DISEASES

  • Newborn’s critical points: vulnerability and gestational age-dependent diseases.
  • Early and late-onset sepsis.
  • Physiological and pathological jaundice.
  • Hemorrhagic neonatal disease.
  • Perinatal asphyxia and post-asphyctic syndrome.
  • Respiratory problems of newborn.
  • Respiratory distress of preterm newborn: physiopathology, clinics, prophylaxis and therapy.
  • Meconium aspiration syndrome.
  • Patent ductus arteriosus.
  • Feeding intolerance and necrotizing enterocolitis.
  • Care philosophy of preterm infant.
  • Motor and sensory development of foetus and preterm newborn.
  • Skills of preterm newborn by gestational age.
  • Subsystems’ theory and individualized assessment of preterm newborn.
  • Neurological diseases of preterm newborn: intra-periventricular hemorrhage.
  • Neurological diseases of preterm newborn: periventricular leukomalacia.
  • Physiological and pathological General Movements: diagnostic and prognostic tool.

 

INTENSIVE CARE AND NEONATAL RESUSCITATION

  • Physiological transition at birth.
  • Resuscitation’s flow chart and its stages.
  • Predictive risk factors for neonatal resuscitation.
  • Necessary equipment and personnel for a newborn’s resuscitation.
  • When the newborn needs resuscitation.
  • How to clear the airways and proceed with the initial stages of resuscitation.
  • Use of oxygen in neonatal resuscitation.
  • Positive-pressure ventilation: when and with which equipment.
  • How to use different devices to provide positive-pressure ventilation and correct placement of masks.
  • How to evaluate the success of positive-pressure ventilation.
  • Chest compressions: when to begin; how to administer; coordination with positive-pressure ventilation; when to stop.
  • Indications for endotracheal intubation during resuscitation; how to select and prepare the appropriate equipment; how to support who performs intubation.
  • What, when and where to give medications during resuscitation.

 

CLINICAL NURSING IN NEONATAL AREA

  • Neurobehavioral development in the preterm infant:
    • The sinactive theory,
    • The NIDCAP.
  • Postures in the preterm infant: how, when and why, advantages and disadvantages of the different postures.
  • Nursing care for preterm infant with acute and chronic respiratory difficulties:
    • non-invasive ventilatory support techniques (NcPAP, BiPAP, HFNC),
    • invasive ventilatory support techniques,
    • nursing procedures for the management of the newborn with invasive or non-invasive ventilatory support.
  • Recognize, evaluate, classify and treat neonatal pain.
  • Nursing care for preterm infants with gastrointestinal problems:
    • type of enteral nutrition,
    • characteristics of the power supply probes,
    • techniques for positioning,
    • tolerance of enteral feeding (gastric stagnation, type and nursing evaluation).
  • Assistance to the preterm infant who begins to feed orally: tools for assessing the oral and alimentary skills of the preterm infant.
  • Nursing care for the newborn with a central venous catheter:
    • indications on positioning,
    • types of central venous catheters,
    • nursing management of central venous catheters.
  • The skin of the preterm infant:
    • characteristics,
    • incidence and causes of skin lesions,
    • skin assessment,
    • tools for risk assessment,
    • types of injuries (from devices, extravasations, chemical burns, peristomal lesions).
  • Neonatal transport: organization, tasks and responsibilities of the pediatric nurse.
  • Nursing care to the newborn who suffers from hypoxic-ischemic encephalopathy:
    • Hypothermic treatment.
  • Pharmacological therapy in the preterm newborn: i.v., i.m, per os. Peculiarities compared to other pediatric ages.

Oggetto:

Modalità di insegnamento

L’Insegnamento si articola in 5 moduli, per un totale di 90 ore.

Le metodologie e le attività formative, nonché gli strumenti didattici utilizzati saranno:

  • lezioni teoriche (frontali e/o interattive),
  • discussione di casi clinici in sottogruppi con presentazioni in sessioni plenarie,
  • visione di video e filmati, di immagini, di schemi e rappresentazioni grafiche,
  • role playing con simulazione di situazioni cliniche e relazionali seguita da rielaborazione e discussione in sessione plenaria
  • esercitazioni
  • sessioni di briefing e di debriefing.

La frequenza all’Insegnamento è obbligatoria

Il materiale didattico è messo a disposizione delle Studentesse e degli Studenti attraverso le piattaforme di Ateneo (Moodle, CampusNet).

Le lezioni verranno erogate in funzione delle disposizioni rettorali, relative alla situazione sanitaria.

The teaching is divided into 5 modules, for a total of 90 hours.

The methodologies and training activities, as well as the teaching tools used will be:

  • theoretical lessons (frontal and/or interactive),
  • clinical case discussions in subgroups with presentation in plenary session,
  • viewing of videos and films, images, diagrams and graphic representations,
  • role playing with simulations of clinical and relational situations, re-elaboration and discussion in plenary session,
  • exercises,
  • briefing and debriefing sessions

Attendance at the teaching is mandatory.

The teaching material is available to students through the University platforms (Moodle, CampusNet).

Lessons will be provided according to the Dean’s dispositions relevant to public health need

 

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

In funzione delle disposizioni rettorali, si potranno anche effettuare esami (sia scritti sia orali) in modalità mista - in presenza e/o online, sfruttando le piattaforme di Unito (Moodle, WebEx, ecc.).

La valutazione finale complessiva è unitaria e collegiale.

Il voto è espresso in trentesimi e la sufficienza si intende raggiunta ad un punteggio pari o superiore a 18/30.

 

  1. Esame Scritto

La prova d’esame riguarda tutto il programma svolto e consiste in un questionario con domande a risposta multipla e/o domande a risposta aperta per verificare la conoscenza e la comprensione degli argomenti trattati nei vari moduli e per verificare la capacità di applicare le conoscenze mediante il ragionamento e il pensiero critico.

Il numero di domande varierà a seconda del modulo, ma la modalità verrà comunicata agli studenti dai docenti entro il termine delle lezioni.

Il tempo previsto per la durata di ogni singola prova sarà di 30 minuti per il modulo di Genetica medica e 45-60 minuti per ognuno degli altri moduli.

Il punteggio per ogni singola risposta varierà a seconda della complessità e della tipologia di domanda.

 

  1. Esame pratico

Per il modulo Terapia intensiva e Rianimazione neonatale, l’esame verrà sostenuto con l’utilizzo di simulatori avanzati per la rianimazione neonatale; verranno testate le abilità nella rianimazione neonatale (Ventilazione a pressione positiva, compressioni toraciche e intubazioni endotracheali).

Depending on the Dean’s provisions, exams (both written and oral) can be carried out also in a mixed way, i.e., in presence and/or online, using the UniTo platforms (Moodle, WebEx, etc.).

The overall final evaluation is comprehensive of the various parts of the course. The grade is expressed in fractions of 30 (minimum passing grade is 18/30).          

 

  1. Written test

The exam covers the whole program and consists of a set of multiple-choice questions and/or open questions to verify the knowledge and understanding of the topics of various modules and to verify the ability to apply knowledge through critical reasoning and thinking.

The number of questions changes according to the module, but the modality is communicated to the students by the teachers by the end of the lessons.

The estimated time for the duration of each individual test is 30 minutes for the Medical Genetics module and 45-60 minutes for each of the other modules.

The score for each individual answer varies based on the complexity and type of question.

 

  1. Practical test

For the Intensive Care and Neonatal Resuscitation module, the exam is taken with the use of advanced simulators for neonatal resuscitation; neonatal resuscitation skills are tested (positive pressure ventilation, chest compressions and endotracheal intubations).

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

  • Romagnoli (a cura di), Percorsi assistenziali neonatologici, Biomedia, 2016.
  • Colombo, V. Chiandotto, P. Cavicchioli, Con ragione e sentimento. Le cure neonatali a sostegno dello sviluppo. Raccomandazioni per gli operatori della terapia intensiva neonatale, II edizione, Biomedia, 2017.
  • L. Nussbaum, R. R. Mclnnes, H. F. Willard, Thompson & Thompson. Genetica in medicina, Edises, 2018.
  • Neri, M. Genuardi, Genetica umana e medica, IV edizione, Edra, 2017.
  • M. Wainer, G. Capozzoli (edizione italiana a cura di), Francesco Baldinelli (edizione italiana a cura di), Manuale di Rianimazione Neonatale. American Academy of Pediatrics and American Heart Association, VII edizione, Antonio Delfino Editore, 2018.

  • Romagnoli (a cura di), Percorsi assistenziali neonatologici, Biomedia, 2016.
  • Colombo, V. Chiandotto, P. Cavicchioli, Con ragione e sentimento. Le cure neonatali a sostegno dello sviluppo. Raccomandazioni per gli operatori della terapia intensiva neonatale, II edizione, Biomedia, 2017.
  • L. Nussbaum, R. R. Mclnnes, H. F. Willard, Thompson & Thompson. Genetica in medicina, Edises, 2018.
  • Neri, M. Genuardi, Genetica umana e medica, IV edizione, Edra, 2017.
  • M. Wainer, G. Capozzoli (edizione italiana a cura di), Francesco Baldinelli (edizione italiana a cura di), Manuale di Rianimazione Neonatale. American Academy of Pediatrics and American Heart Association, VII edizione, Antonio Delfino Editore, 2018.



Oggetto:

Moduli didattici

Registrazione
  • Aperta
    Apertura registrazione
    01/03/2020 alle ore 00:00
    Chiusura registrazione
    31/12/2022 alle ore 23:55
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 25/10/2022 11:01
    Non cliccare qui!